fbpx
Telecamere Termiche che Vedono nella Nebbia

COMeSER presenta i sistemi antintrusione per la sicurezza degli spazi esterni

Quando non si vede a un palmo di naso, quando la nebbia è così fitta che ci sembra di essere in una scena di Matrix, quando tutto è grigio e troppo denso in cortile e in giardino, le telecamere termiche di Gruppo COMeSER con i loro occhi intelligenti vedono lo stesso tutto il nostro “piccolo mondo fuori” e danno la tranquillità di sentirsi protetti come in una giornata di pieno sole.

Lo garantisce Riccardo Rinaldi, responsabile e consulente dell'Area Sicurezza di Gruppo COMeSER di Fidenza: “Le telecamere termiche per la videosorveglianza che proponiamo sono la soluzione migliore per la protezione di aree estese in aziende e abitazioni private, perché, anche in condizioni di scarsa visibilità con la nebbia con cui spesso ci troviamo a fare i conti in Emilia, in Lombardia e in molte zone del nord Italia, danno risultati di controllo e tutela straordinari”.

“La tecnologia ha fatto passi da gigante – prosegue Rinaldi - e oggi fornisce risposte efficaci per il monitoraggio e la videosorveglianza anche in situazioni di buio e poca visibilità: le soluzioni sono telecamere di videosorveglianza termiche con il loro occhio che agisce anche in condizioni di buio completo, senza alcuna fonte di luce, oppure in momenti di scarsissima visibilità, come una nebbia molto fitta. “Vedono” da lunghe distanze praticamente in qualsiasi condizione di luce o meteo, distinguendo persone e veicoli”.

Come fanno a funzionare? “Qualsiasi oggetto con una temperatura superiore allo zero assoluto emette una quantità rilevabile di radiazione infrarossa (IR). Maggiore è la temperatura di un oggetto, maggiore è l'intensità dell'emissione IR. Sfruttando le differenze di intensità IR tra gli oggetti, le termocamere rendono “visibile” l'infrarosso invisibile sotto forma di immagini della zona di calore. Ecco perché rendono possibile un monitoraggio costante anche quando non ci sono condizioni di visibilità”.

Praticamente decodifica lo spettro di gamma dei colori? “Sì, semplificando, le termocamere rilevano questo tipo di radiazione (da una lunghezza d'onda di 8 a 14 μm o da 8.000 a 14.000 nm) e producono immagini usando le differenze di temperatura, rendendo possibile vedere l'ambiente senza luce visibile. Le telecamere termiche hanno funzioni in più capaci di rendere la videosorveglianza maggiormente efficace ed affidabile attraverso funzioni di “analisi intelligente” come riconoscimento persone, veicoli, entrata/uscita da un’area, superamento di una linea, con una precisione di rilevamento del 95%”.

I campi applicativi dei sensori di sicurezza possono essere tanti: tra questi, locali fieristici, musei, luoghi di culto, oltre ad aziende e case private. Molto utile anche per la rilevazione di principi d’incendio in pinete, parchi o luoghi a rischio.

Per ricevere tante notizie e consigli utili vi invitiamo a seguire i canali social Facebook, Instagram e Linkedin di Gruppo COMeSER e condividere le news per farle conoscere agli amici.

Gennaio 2020